Banner 2019

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La ventunenne ticinese Tessa Viglezio ci racconta il cambiamento climatico dall’estremo nord della Norvegia

  

articolo di Patrick Stopper su 20minuti

LUGANO/LONGYEARBYEN - Fa caldo, molto caldo. E con l’aumento della temperatura media, per i nostri ghiacciai è sempre più difficile sopravvivere: si stanno ormai ritirando a vista d’occhio e resisteranno ancora per pochi decenni. Questo sta accadendo alle nostre latitudini. «Ma è un fenomeno che sta interessando tutto il pianeta, pure le regioni artiche» ci dice la ventunenne ticinese Tessa Viglezio, che da due settimane si trova - assieme ad altri quattro giovani provenienti dal resto della Svizzera - nelle norvegesi Isole Svalbard per lo Swiss Arctic Project. Infatti anche lassù, a soltanto un migliaio di chilometri dal Polo Nord, il cambiamento climatico si fa sentire.

Non c’è più il clima di una volta - «Pensavo di trovare un clima più freddo, invece le temperature si situano tra i cinque e gli otto gradi. Soltanto quando soffia il vento, si gela di più» ci racconta Tessa, descrivendo il primo impatto con la regione artica. E in effetti le temperature non sono più quelle di una volta, come conferma anche la gente del posto con cui hanno parlato i cinque giovani. «Dicono che gli inverni sono più corti e che fa più caldo». Un cambiamento, questo, che si percepisce anche a livello turistico. Una guida incontrata a Pyramiden, un insediamento russo abbandonato dove però è ancora attivo un piccolo hotel, constata infatti che i visitatori arrivano sempre più presto.

Dove c’era il ghiacciaio… ora c’è il mare - Alle Isole Svalbard i ghiacciai si mostrano ancora imponenti, «sono impressionanti», eppure non sono indenni al riscaldamento climatico. Tessa lo ha potuto constatare con i suoi occhi, in particolare quando con la nave MV San Gottardo la spedizione ha fatto tappa nel fiordo davanti alla lingua bianca del Nordenskiöldbreen: secondo la mappa, vecchia di soli tre anni, in quella posizione l’imbarcazione avrebbe infatti dovuto trovarsi nel mezzo del ghiaccio. Ma dal 1990 la distesa si è ritirata di oltre un chilometro. «Si prova una strana sensazione - afferma Tessa - perché si è convinti che nelle regioni artiche i ghiacciai siano conservati dal freddo». E invece si stanno sciogliendo.

Verso Ny-Alesund - Ora la spedizione Swiss Arctic Project sta proseguendo verso Ny-Alesund, nel nord delle Svalbard. Anche se negli scorsi giorni il viaggio è stato rallentato dal maltempo, con intense precipitazioni e mare mosso. «Nella trasferta dal ghiacciaio Esmarkbreen alla città fantasma di Pyramiden abbiamo dovuto fermarci in un fiordo a causa di una tempesta» racconta ancora la giovane ticinese. «Potevamo soltanto stare sdraiati, altrimenti ci veniva il mal di mare». È stato più facile per Charles Michel e sua moglie Doris, i responsabili del progetto, che sono abituati a tempeste ben più intense.